Tutto ciò che vuoi sta dall'altro lato della Paura. Elisa Roda Psicoterapeuta Bioenergetica e Mindfulness Bologna

Tutto ciò che vuoi sta dall’altro lato della Paura

Tutto ciò che vuoi sta dall’altro lato della Paura

Tutto ciò che vuoi sta dall'altro lato della Paura. Elisa Roda Psicoterapeuta Bioenergetica e Mindfulness Bologna

STASERA INIZIA IL CORSO on line PER FRONTEGGIARE IL FORTE STRESS DI QUESTO PERIODO

Vorremo muoverci su un terreno stabile. Sapere prima cosa succederà dopo. Avere un futuro certo, soprattutto se il nostro passato è pieno di incertezze.
È così che ci costruiamo binari sui quali viaggiare.

Ma in tempo di pandemia ?

L’emergenza è inedita, il nemico è invisibile, l’incertezza sull’evolversi della situazione è pervasiva, la nostra abituale libertà viene limitata, spesso la negazione della minaccia è forte insieme alla paura, all’ansia, all’angoscia che apre a comportamenti del tutto irrazionali.
Per alcuni, per sentirci invincibili , viene da incrementare la rabbia, ma questo nasconde, nel profondo ,la nostra intensa paura o di iperproteggere chi ci sta vicino invitandolo a iper-ripararsi , a rinchiudersi nella propria tana, in tal modo proiettiamo la vulnerabilità sull’altro e noi ci immaginiamo indenni.
Per altri, la grande paura attiva l’evitamento di situazioni sino ad arrivare alla tendenza al ritiro.

COSA COMPORTA TUTTO QUESTO?

Come possiamo prenderci cura di noi stessi quando siamo preoccupati o invasi da ogni sorta di pensiero? E come possiamo distinguere le nostre emozioni, soggette alle alterne vicende dell’umore, dai pensieri?

Sottovalutiamo la relazione che c’è tra il corpo e la mente quando pensiamo alle nostre tensioni. Un singolo pensiero è capace di tender i nostri muscoli, di irrigidire la mascella, di modificare la postura.

Per fronteggiare una situazione carica di stress come l’attuale, ci ARMIAMO costruendoci una CORAZZA MUSCOLARE che diminuisce le capacità di autoregolazione e ci riporta ad una modalità regolatoria difensiva e obsoleta. Le nostre difese che nascono dopo che l’evento doloroso- spaventoso è accaduto, con lo scopo di proteggerci dal ripetersi di nuovi eventi dolorosi, non sono selettive e rimangono attive anche quando non sarebbe necessario costruendo, anch’esse, delle modalità regolatorie di risposta emotiva.

Le emozioni sono il motore dei nostri processi di autoregolazione perché forniscono la qualità di attivazione, ci confortano, ci permettono di dare significato agli eventi che accadono, attivano o disattivano le nostre difese. il blocco muscolare impedisce o rallenta il fluire da una emozione all’altra e quindi la loro modulazione ed elaborazione. In questo corso lavoreremo sul sentire che tipo di emozioni ci sono (consapevolezza), le esprimeremo mantenendo la padronanza del processo emotivo .

L’emozione è espressione di un processo di carica e scarica che, se non ostacolato dai blocchi, giunge infine alla distensione. E’ nella distensione della scarica che può avvenire il processo di autoregolazione che permette l’integrazione dell’esperienza. La scarica però non è necessariamente legata all’agire l’emozione nella realtà.


In questo corso scopriremo come le emozioni e le sensazioni fisiche sono strettamente legate ai pensieri e agli impulsi verso le azioni.

Essere SPAVENTATI spesso produce pensieri di preoccupazione e sensazioni di tachicardia , o il cuore stretto in una morsa , aumento del ritmo respiratorio e tensione corporea. Spesso queste situazioni ci allarmano e anziché provare ad esplorarle, con interesse e curiosità, RICORRIAMO ALL’EVITAMENTO come se rappresentassero qualcosa di sbagliato o fossero il segno che stiamo sbagliando qualcosa. Ma se ci fermiamo ai soli nostri pensieri e disattendiamo l’esplorazione del nostro mondo interno, rischiamo di credere alle nostre idee, senza valutare quanto sono condizionate dalle nostre emozioni e dalle nostre sensazioni fisiche. Inoltre spesso complichiamo le cose GIUDICANDO ciò che sta avvenendo. Di CHI E’ LA COLPA? Soprattutto quest’ultima si ripropone in modo ricorrente ed impertinente; in pratica cerchiamo un responsabile, ancor più in questo periodo di Covid.

La RIGIDITA’ MENTALE E LA RIGIDITA’ FISICA sono corrispondenti. E il modo che abbiamo, sempre a nostra disposizione, per aprire la mente e sciogliere le sue tensioni e le sue rigidità è sempre lo stesso: SMETTERE DI CREDERE CIECAMENTE AI NOSTRI PENSIERI , cogliere altre prospettive, ammorbidire i limiti della nostra consapevolezza con l’attenzione intenzionale al respiro.
Non c’è rigidità mentale che non corrisponda ad una rigidità fisica. Non c’è rigidità fisica che non produca anche una rigidità mentale. È come se le TENSIONI FISICHE COSTRINGESSERO LA NOSTRA MENTE AD ANDARE SU UN UNICO BINARIO .

In questo senso corpo e mente sono silenziosamente alleati: per quanto possiamo sentire distanza tra l’attività della nostra mente e il nostro corpo – nei fatti – corrispondono. Per questa ragione non può bastare affrontare la rigidità solo a livello fisico o solo a livello mentale. Abbiamo bisogno di guardarla in entrambi gli aspetti e già – la semplice consapevolezza – ammorbidisce.

Usiamo le tensioni muscolari per reprimere o anestetizzare le emozioni.

Le tensioni muscolari in se ” producono” emozioni. Se respiriamo poco – e non ce ne accorgiamo nemmeno- questo può indurre uno STATO DI ANSIA , indipendentemente dalle preoccupazioni che abbiamo nella nostra vita reale.

EVITARE , attraverso la contrazione, le nostre emozioni, è come vivere con un vestito stretto. Toglie il respiro.
E allora ogni cosa, anche la più piccola, ha un senso di urgenza, di fretta e di soffocamento, che sta nel nostro vestito stretto e non nell’esperienza in se’. Non possiamo appassionarci a ciò che facciamo perché non abbiamo abbastanza aria per vivere.
Tornare al respiro, senza per forza correggerlo o modificarlo, è come aprire lo spazio della costrizione, restituendogli agio. Restituendogli attenzione e intimità.

Abbiamo bisogno di ristabilire l’intimità con noi per riportare intimità nelle nostre relazioni e sono i blocchi muscolari difensivi che ci limitano e interferiscono con la gestione delle nostre emozioni e della nostra abilità relazionale.

Per partecipare al webinar “Tutto ciò che vuoi sta dall’altro lato della Paura” chiamami o mandami una mail
Dott.ssa Elisa Roda _ Psicoterapeuta Infanzia Adolescenza Adulti _ cell. 338 98 93 594 – elisaroda@libero.it

| Tutto ciò che vuoi sta dall’altro lato della Paura